Perché rossodirobbia? Perche rosso è il colore della vita

www.colorinaturali.com
tel. 328/0709687
mail: michelapasini@libero.it
pagina facebook: Rosso Di Robbia
I prodotti di Rosso di Robbia (abbigliamento e accessori, filati, tessuti) sono in vendita presso il laboratorio di Poggio Berni (RN) su appuntamento (per info: michelapasini@libero.it) oppure durante gli eventi segnalati.

CORSI E LABORATORI 2018

I corsi , salvo diversa indicazione, si terranno presso il laboratorio di Rosso di Robbia a Poggio Berni (prov. Rimini). Per informazioni sui contenuti dei corsi e sui programmi: Michela Pasini, cell. 328/0709687, michelapasini@libero.it

sabato 24 marzo: Corso di tintura naturale di cotone, lino e canapa

sabato 14 aprile: Corso di tintura naturale della seta e tecniche Shibori

sabato 21 e domenica 22 aprile: Corso intensivo di eco-printing a Brussa di Caorle (VE). Per info e iscrizioni contattare l'Associazione Noi dell'Arte qui http://www.noidellarte.it/2018/01/corso-intensivo-eco-printing/

sabato 26 e domenica 27 maggio: Corso base di eco-printing (stampa vegetale su tessuto)

sabato 16 e domenica 17 giugno: Corso avanzato di eco-printing (per chi già pratica la tecnica)



EVENTI E FIERE 2018

16-18-18 marzo

GIARDINI D'AUTORE

Parco Federico Fellini, Rimini

http://giardinidautore.net/


6-7-8 aprile

MANIDORO FIERA DEL RICAMO, IV EDIZIONE

Palacongressi di Bellaria (Rimini)

http://manidorofiera.it/

martedì 15 marzo 2011

Tintura con zafferano (crocus sativus)

Se desiderate ottenere il più bello dei gialli preparatevi a spendere molti soldi! Eh si, perché lo zafferano vero non è quello che si acquista in bustine al supermercato (questo è “tagliato” con la curcuma che da un giallo pochissimo resistente alla luce) ma è quello che si può trovare in pistilli nelle drogherie e presso chi lo coltiva. Il migliore è, ovviamente, quello abruzzese che costa 21 Euro al grammo (!)…. quello spagnolo un po’ meno, solo 15 Euro al grammo! Questi sono i prezzi che ho trovato io ma se capitate in Abruzzo spenderete di certo meno. Io ho avuto invece la fortuna di incontrare lo zafferano dell’Appennino Romagnolo che, credo, si meriti una “DOP” visto il meraviglioso giallo che mi ha dato. L’estate scorsa, girovagando in bici sull’Appennino forlivese, mi sono imbattuta in un piccolo agriturismo dove lo si coltiva e… ne ho comprati ben 6 grammi, un vero tesoro! Avevo letto tanto sul color zafferano che gli antichi consideravano uno dei colori più preziosi e così ho voluto provarlo su un bel pezzo di voile di seta pura e mi son fatta un foulard degno di una matrona romana. Se anche voi volete provare vi consiglio di usate il filato o il tessuto più puro e più bello che avete e mi raccomando… zafferano in pistilli e non in polvere la quale può sempre esser sofisticata!
Il mio foulard pesava 21 grammi e dato che in tintura lo zafferano va al 10% (è molto colorante) io ne ho utilizzati 2 grammi.
Spiegazioni per la tintura di fibre animali (lana o seta):
-         pesare il filato/tessuto e mordenzarlo con allume al 25 %; tenere a fuoco basso per 2 ore; far raffreddare e il giorno dopo sciacquare appena;
-         nel frattempo pesare i pistilli di zafferano (10% sul peso del filato/tessuto asciutto); metterli a bagno e lasciarli macerare per una notte;
-         il giorno dopo far cuocere (non bollire!) pian piano lo zafferano per mezz’ora, poi spegnere il fuoco e far raffreddare;
-         filtrare i pistilli e aggiungere al decotto acqua sufficiente per tingere (4 lt ogni etto di filato/tessuto); il filtro con i pistilli, ben chiuso, si può lasciare nella pentola che si utilizzerà per tingere;
-         immergere nel bagno di tintura il filato/tessuto bagnato (che avevamo precedentemente mordenzato e sciacquato) e tenerlo sul fuoco basso per 2 ore;
spegnere il fuoco e far raffreddare il filato/tessuto nella pentola; il giorno dopo sciacquare molto bene.

Ed ecco il risultato...

3 commenti:

  1. Che bello leggerti... c'è qualcosa di magico e di prezioso nella tintura naturale, grazie!
    Comunque continua il nostro connubio io cucino gli spinaci e lo zafferano e tu li usi per tingere, avanti così!!!

    RispondiElimina
  2. grazie a te cara Mari per le fantastiche ricette mangerecce! e credo che tintura naturale e cucina presto si uniranno.... vedrai....

    RispondiElimina
  3. ... ecco un commento che mi è arrivato via mail dalla mia cara compagna di sferruzzamento Simona:

    Posso affermare che questa lana 'parla': soprattutto della passione con cui viene lavorata. Complimenti.

    Blog: rossodirobbia
    Post: Tintura con zafferano (crocus sativus)
    Link: http://rossodirobbia.blogspot.com/2011/03/tintura-con-zafferano-crocus-sativus.html

    RispondiElimina