Perché rossodirobbia? Perche rosso è il colore della vita

www.colorinaturali.com
tel. 328/0709687
mail: michelapasini@libero.it
pagina facebook: Rosso Di Robbia
I prodotti di Rosso di Robbia (abbigliamento e accessori, filati, tessuti) sono in vendita presso il laboratorio di Poggio Berni (RN) su appuntamento (per info: michelapasini@libero.it)

CORSI E LABORATORI 2017

I corsi , salvo diversa indicazione, si terranno presso il laboratorio di Rosso di Robbia a Poggio Berni (prov. Rimini). Per informazioni sui contenuti dei corsi e sui programmi: Michela Pasini, cell. 328/0709687, michelapasini@libero.it

CORSO BASE DI STAMPA VEGETALE (ECO-PRINTING) SU LANA E SETA (un giorno)

20 maggio: Rieti, Riserva naturale dei Laghi Lungo e di Ripasottile;

9 settembre: Maniago (Pordenone), Associazione Le Arti Tessili;

28 ottobre: Poggio Berni (Rimini), laboratorio di Rosso di Robbia


CORSO INTENSIVO DI STAMPA VEGETALE (ECO-PRINTING) SU LANA, SETA, COTONE, LINO E CANAPA (due giorni)

17 e 18 giugno; 19-20 agosto: Poggio Berni (Rimini), laboratorio di Rosso di Robbia

8 e 9 luglio: Gorizia, Associazione Noi dell’Arte


CORSO DI TINTURA NATURALE DELLA LANA

7 e 8 ottobre: Poggio Berni (Rimini), laboratorio di Rosso di Robbia


CORSO DI TINTURA NATURALE DI COTONE, LINO E CANAPA

4 novembre: Poggio Berni (Rimini), laboratorio di Rosso di Robbia


CORSO DI TINTURA NATURALE DELLA SETA E TECNCICHE SHIBORI

18 novembre: Poggio Berni (Rimini), laboratorio di Rosso di Robbia

venerdì 14 marzo 2014

"Colori antichi" in sfilata a Rimini il 15 marzo

Arco d'Augusto ore 11: è da qui che sabato 14 marzo partirà la sfilata commemorativa delle Idi di Marzo a cura dell'Ass. Culturale Legio XIII Gemina in collaborazione con l'Ass. ARIES (qui tutto il programma www.legioxiiigemina.it). Durante l'evento sfileranno gli abiti realizzati dagli studenti del corso di Culture e Tecniche della Moda di Rimini (www.associazioneslash.it). Alcuni tessuti utilizzati per realizzare gli abiti sono stati tinti da Michela Pasini dell'Associazione Colori Naturali "Rosso di Robbia" secondo le antiche tecniche di tintura attuate con lavorazioni completamente manuali.
    
il velo della sposa (flammeum) giallo reseda

 il mantello maschile di lana (pallium) rosso porpora
 
Tutto il procedimento, dal tessuto bianco al tessuto tinto, ha richiesto circa 60 ore di lavoro. La prima fase è stata la mordenzatura, ovvero la cottura dei tessuti con allume di rocca, già conosciuto dagli Egizi come sostanza che agevola il fissaggio del colore. Alla mordenzatura è seguita l'estrazione dei pigmenti dalle piante mediante decozione; infine i tessuti sono stati tinti nel bagno colore così ottenuto.  Alcune piante, come la reseda per i gialli e il guado per il celeste, sono state fornite dall'azienda agricola riminese Terrae Blu (www.terraeblu.it) che coltiva, trasforma e commercializza piante tintòrie. Vediamo nel dettaglio alcuni colori, tutti realizzati con robbia, reseda e guado, piante utilizzate sin dalla più remota antichità in virtù del loro potere colorante. Il rosso porpora del mantello da uomo, il pallium, è stato realizzato con una successione di bagni rossi ottenuti dalle radici di robbia (Rubia tinctorum L.) con l'aggiunta di succo di bacche di mirto (Myrtus communis L.) che ha dato una leggera sfumatura violacea. La robbia è stata utilizzata anche per l'abbigliamento della matrona: per la tunica di seta rosa antico e per il mantello di lana, detto palla, in rosso-aranciato. La reseda (Reseda luteola L.) è stata utilizzata per i gialli, in particolare per il velo della sposa detto flammeum, di uno splendido giallo oro. Reseda e robbia sono state mescolate per ottenere il giallo più caldo della tunica maschile. Il pigmento di indaco ottenuto dalle foglie di guado (Isatis tinctoria L.) è stato utilizzato per ottenere il celeste del velo femminile in seta, con una sovrapposizione di sette bagni. Infine, robbia e reseda in varie gradazioni sono state utilizzate per tingere le strisce colorate che ornano i bordi delle vesti e dei mantelli.

                                         tunica di lino giallo reseda e velo di seta tinta con guado


                                                 mantello femminile di lana (palla) tinto con robbia

L'appuntamento è alle ore 11 all'Arco d'Augusto ove partirà la sfilata, per concludersi in Piazza Tre Martiri alle 11.30 ove verrà illustrato il lavoro di rievocazione storica effettuato dalle rispettive Associazioni, compreso il lavoro di ricostruzione dei colori di alcuni abiti.

Nessun commento:

Posta un commento